Aforismi

Gli aforismi di Maria Suppa oltre che in questa pagina, sono presenti in diversi siti web di aforismi e citazioni e nelle sue opere.

La nostra fantasia crea anime perfette… la realtà poi, le distrugge.

Non è il sangue che ti fa parente ma l’amore della gente.

Copriti con un manto di ferro se sei sensibile e profondo. Proteggendo la tua anima, forse, vivrai in eterno.

La fine di un libro è l’inizio di un vuoto dentro.

Le paure sono amiche sincere che ci fanno capire da quale porta il coraggio può entrare.

Uno sguardo è come un abbraccio; ti crea calore e una forte stretta addosso e in un attimo dice tutto.

Siamo fatti di anima, carne, cervello e di un cuore, che non solo batte, ma vive di amore, odio e di dolore, quando lotta contro se stesso facendosi del male.

Bisogna rassegnarsi a certi silenzi, e far capire al cuore che è meglio lasciar stare.

I silenzi hanno sempre una domanda, e sanno dare subito una risposta.

Il tempo si è fermato. Sto ferma anch’io e lo guardo. Cerco di capire, ma non è facile leggere il pensiero di chi non sa che dire.

Nasce la notte quando il giorno è già morto da un pezzo.

Se una delusione ha macchiato il tuo cuore non provare a cancellarla… è indelebile. Prova solo a ignorarla e a non sentirla quando ti parlerà.

Appena svegli iniziamo a correre. Alla sera ci si volta per guardare la strada percorsa. Se non è quella giusta avremmo perso tempo… ma imparato tanto.

Arriva la notte e si chiude il capitolo di un giorno, dove ogni frase letta è lezione di vita, nel bene e nel male o in quel che si vuole.

Se non è la tua anima a vedere, gli occhi servono a poco.

Niente è davvero perso quando hai voglia di ritrovarlo.

La notte, con il suo freddo in faccia, mi fa tanto pensare per poi gioire e ringraziare chi da lassù mi vuol sempre aiutare e stringere in un forte calore.

L’indifferenza verso chi parla col cuore, che non vuol ferire ma solo chiarire, è una “condanna” dura che fa soffrire.

La guardi e ti confonde, la vuoi ma la respingi. Non è così limpida e pura pensi, ma poi la sfiori e a pelle non mente; è bell’anima!

Le anime silenziose hanno sempre qualcosa da dire, e la tengono nel cuore, senza farla scappare.

L’amore bisogna anche darlo e non solo pretendere di riceverlo.

A volte non mi serve sentir parlare ma guardare e vedere per poter capire.

Il mistero avvolto ad un’anima la può rendere speciale e unica. Lascia in cuore tanto e fa gioire la mente ma può anche perdersi nel nulla.

Se di giorno sappiamo parlare a volti e occhi che ci sanno capire, la notte possiamo solo ascoltare la voce del nostro cuore che non sa mentire.

Guardo negli occhi della gente, vedo luci brillare o spegnersi come candele. Questo è anche il Natale: luci che sono ricordi, o speranze.

Ogni fine è un modo per rinascere che tocca il cuore e la mente e li fa battere e ragionare e pensare a chi si vuole più bene.

La solitudine, un’immensa compagnia che ci fa capire chi realmente siamo e quello che dalla vita vogliamo.

La paura della fine e del niente sapere, la paura di non poter più rivedere le anime belle, a cui tanto teniamo, le voci che in cuor nostro sentiamo.

Bisogna cadere per capire, inciampare e soffrire per poi poter apprezzare quello che prima riuscivamo a vedere solo con occhi e senza cuore.

Ci sono anime che sono ombre, ci passano accanto ma non le vediamo, ci sfiorano ma non le sentiamo, ci amano e non lo sappiamo.

Ci sono giorni di sole e di stelle e altri di sterco e di stalle.

La pittura e la musica sono come il grande Amore. Per lui perdi la fame e la sete, e di notte, quando non riesci a dormire, lo pensi e la tua anima è in pace.

La grandezza di una persona non è nel suo nome o nel suo titolo, ma è nelle sue gesta e nella sua anima.

Mi sveglio nella luce del giorno e lascio alla notte un sogno dove esiste sempre un tormento.

Ci sono notti che non dormo e provo a pensare a quel che di giorno tace, a quello che non riesco a capire e che nel buio fa rumore.

Le delusioni sono come il giorno e la notte. Calano con il buio della sera per poi svanire alle prime luci del mattino.

Ho viaggiato nei tuoi occhi e ho scoperto la tua anima che ho creduto d’amare e che non riesco più a domare in una mia lacrima che è tutta un dolore.

Non sentire quello che l’altro ti vuole dire, non vedere quello che potresti volere, non sapere a che cosa stai per rinunciare… non amare.

La profondità d’animo, trasmessa da occhi sinceri, nutre i cuori e le menti e li fa godere.

Sulla strada della vita ogni incontro è speciale, anche quello che fa più male, perché ti avrà fatto comunque capire, quello che prima non riuscivi a vedere.

Cala il buio ma non il silenzio, e le anime si placano, si odiano o si amano dietro a porte e finestre chiuse.

Tutti abbiamo cicatrici da nascondere, che fanno male, e anime che vorremmo più vicine.

I giorni piovosi sono fatti apposta per pensare. Quel tocco di grigiore è polvere per l’anima che neanche la pioggia leva via.

Ripenserai un giorno a chi ti è stato accanto, a chi era palese che ci fosse ed era normale evento ma che adesso ti volti e non vedi più.

Il tempo vola quando lo vorresti infinito… mentre a volte è la vita che si ferma per farti capire di quanto sia importante e che nulla è per sempre.

Gli occhi sono come le bocche, non servono parole per capirsi. I primi s’incrociano, le altre si sfiorano, e le anime si uniscono.

L’amore, un labirinto, dove perdersi tra dolore, gioia, passione e un infinito piacere.

Le anime belle le vorresti avere sempre accanto e la notte ti ritrovi ad inseguirle dentro a un sogno.

Un’anima può accendersi e spegnersi in un attimo. Dipende dagli occhi che la guardano.

Amando amo perché amare è amore.

Meglio una verità dolorosa, una frase sommessa, un agognato sospiro, che il silenzio infinito.

Un misterioso regalo la vita, che ci limita il tempo dell’essere, dell’avere e amare, brava a farci dannare l’anima per vivere.

Ci illudiamo che le stelle in cielo siano anime a noi care che al solo guardare, ci rispondano senza fiatare, ci amano e ci proteggono. Loro. Anime belle.

Ci son notti che la mia mente non si stanca e veglia su di me, seguendo tortuosi sentieri e strade buie, fino a quando esausta, arriva al sole.

Non servono le infinite parole per esprimere quel che si ha nel proprio cuore… basta uno sguardo, gli occhi s’incontrano e dicono tutto.

Eccoci, sotto lo stesso cielo a guardare le infinite stelle, sperando in un futuro migliore, in un lontano amore o pensando a chi ci sta a cuore.

Le parole son le stesse se scritte o sussurrate, cambia solo il modo, ma la voce trema allo stesso modo della mano.

Se avessimo un cuore di pietra chiunque lo potrebbe scalfire, e nessuno sentirebbe dolore.

Non pretendere nulla da chi sai che non potrà darti mai niente.

Il silenzio è musica che scuote la mia anima.

Non si può cancellare un’anima che ha deciso d’imbrattare il nostro cuore.

L’anima, senza occhi per vedere e bocca per parlare, ma capace di volare, in mondi infiniti e sconosciuti e di penetrare in cuori perduti.

Il cuore, un lavoratore a tempo determinato.

Puoi avere un’anima lacerata da qualsiasi fonte negativa e dolorosa ma, se incroci il sorriso di un bambino, i tuoi occhi sorridono con i suoi.

E dove c’è il silenzio c’è sempre l’incanto.

Se avessimo bisogno solo dell’amore non ci mancherebbe nient’altro.

L’amore, riempie sempre l’anima di amore, ma quando decide di ferirla e martoriarla è senza pietà, senza cuore, e lo fa per bene.

L’amore è tutto, e a volte ti lascia il niente.

Nella vita si cambia, perché è la vita che lo vuole!

Ci sono anime che ti mandano in estasi con poco, lasciandoti un gran vuoto dentro.

Esiste solo un mondo fatto per tutti, anche se qualcuno lo vorrebbe a modo suo e tutto per sé.

Quanti occhi guardano in alto, su nel cielo, e sospirano, amando, e sognano, implorando una stella affinché il desiderio si avveri.

Essere amati come noi amiamo gli altri è quel volere che è già un errore, una sconfitta.

Soffrire senza avere una minima speranza è come bruciare vivi tra le fiamme dell’inferno.

E se tutto finisse adesso? Ringrazio Dio per quel che mi ha concesso, mi rammarico per quel che non ho vissuto, felice per quel che ho dato.

Il brutto tempo è come la spina di una rosa; penetra nella pelle piano piano, con un dolce dolore e una rossa lacrima che arriva al cuore.

Cerchiamo a tutti i costi l’amore di altre anime, e non “vediamo” quello bello e puro che ci danno le anime che ci stanno attorno.

Ci sono anime che ci saziano di vita e di amore.

Ci sono occhi e musica che dissetano l’anima.

Certe emozioni non hanno via di fuga, bisogna tenerle al sicuro dentro noi, spiegarle a voce impossibile! Perderebbero il senso.

Il forte amore ci vorrebbe più presenti ma è il destino che ci porta lontano e i sensi di colpa a ricordarci il dolore.

Ogni anima è un mondo a sé e non cambierà mai. Modificherà i suoi modi di fare e di dire, di amare, in presenza dell’altra e dei suoi modi.

Gli occhi delle anime belle, mondi senza suono, dove le parole arrivano prima al cuore!

Anime belle, mute e sorde, per paura di parlare e di sentire. Ma fa più paura non esserci che il contrario.

Se fossimo tutti stelle pure d’animo, come sarebbe bello il cielo!

Certe anime sono come il sole, la terra e la luna, uniti per l’eternità da un destino che li vuole lontani.

In auto, fermi ai semafori, ci si guarda come se fossimo tutti amici. Anime sole in carcasse di lamiera che tornano a casa dai propri amori, oppure scappano da chissà quali errori.

Meglio pentirsi di avere osato che vivere con i rimorsi per non aver agito.

Di giorno siamo tutti guerrieri. Lottare per vivere, questa è la regola! Di notte, invece, cambia tutto. È l’amore che ci mette al tappeto.

È solo dai nostri occhi che si capisce la vera natura delle nostre anime.

Gli occhi delle anime belle non mentono mai… in uno sguardo, l’infinito.

L’amore per una madre lo senti dritto al cuore quando la rivedi dopo mesi. Rinasci in un attimo, per poi morire nel momento in cui la risaluti.

E quando qualche delusione, oscura un cielo che cerco di dipingere di azzurro, a malincuore cancello tutto e ricompongo la mia tela.

Morirò un giorno, morirò con quel dolore in petto che solo una profonda emozione può provocare. Mi commuoverò per questo e piangerò morendo.

Dio ci ha regalato la vita, a noi la scelta se a colori o in bianco e nero.

Nei silenzi quante parole!

Speravo di aver toccato quasi cima, ed ero felice, invece mi ritrovo ancora ai piedi di questa grande montagna.

Siamo stelle sparse nel cosmo, ognuno con i propri sogni, con il proprio destino ad inseguire un cuore, un volere, un infinito cammino.

Non esiste il tempo, esistono solo le nostre azioni che generano i cambiamenti che diventano vita.

I silenzi, quelli immensi, sono come tuoni assordanti.

L’amore non è per tutti, è solo per chi lo vuole.